Due o tre cose che so di lei

23 Lug

Due o tre cose che so di lei regia di Jean-Luc Godard, 1967

Un remède à la mélancolie [La fine del principio] di Ray Bradbury

Mentre Juliette (Marina Vlady)  e Marianne (Anny Duperey), sono a casa di Johnny (Roul Levy), fotografo americano, vediamo Marianne che sfoglia il libro di Bradbury.

Nella scena finale del film vediamo Juliette che a letto prende un libro, (non individuato) e legge i seguenti passi sottolineati dal marito:

L’uomo moderno ha un’intelligenza pratica superiore al resto della gente, che comprende la capacità di prendere decisioni e la varietà di interessi. Richardson, Bulez, Henry e compagnia hanno scoperto che nei 2589 dipendenti che lavorano per le loro società il quoziente intellettivo degli esecutivi è di 94, dei manager e dei capisquadra 78, dei tecnici e degli operai 74. L’uomo moderno è sicuro di se ma non aggressivo. L’uomo moderno riconosce i suoi problemi e ammette i suoi difetti. Non teme di dire “Non lo so”. Soltanto un uomo sicuro di se può ammettere una sconfitta.

Annunci

Una Risposta to “Due o tre cose che so di lei”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Questa è la mia vita | Libri nei film - febbraio 15, 2016

    […] Due o tre cose che so di lei […]

Se vuoi, puoi lasciare un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: